La musa della notte: luoghi magici a Milano, parte 2

Ormai è di qualche tempo fa l'articolo che ho dedicato all'ossario di San Bernardino alle Ossa, un luogo davvero tenebroso nel pieno centro di Milano, in cui è ambientata anche una scena del mio romanzo "La musa della notte". Ma sono diversi i luoghi del capoluogo lombardo legati alle streghe.


Piazza Vetra è il luogo di preferenza in cui, a Milano, si bruciavano le streghe, a partire dal tardo XIV secolo.
Il primo a bruciare fu uno stregone, Gaspare Grassi, nel 1385. Nel 1390, invece, un inquisitore portò sul rogo Sibilia Zanni, accusata di essere una strega affiliata alla misteriosa e leggendaria Società di Diana.
Celebre fu anche l'esecuzione, molto più tarda (1617) di Caterina dei Medici, una serva accusata dal senatore Luigi Melzi d'Eril di avergli causato una malattia che i medici non erano riusciti a curare. Le accuse furono suffragate dalla testimonianza del capitano Vacallo, presso cui la donna aveva lavorato in precedenze e da cui era stata allontanata con l'accusa di aver collaborato a un maleficio d'amore a suoi danni.
Caterina fu interrogata, torturata e, infine, bruciata sul rogo in piazza Vetra.
Le ultime streghe bruciate in piazza Vetra furono Anna Maria Pamolea e la sua serva Margarita Martignona, nel 1641. Di esse non si conoscono i capi d'accusa.
Nonostante queste tristi storie, pare che l'Inquisizione di Milano non fosse particolarmente attiva; al punto che, nel 1611, il governatore Juan de Velasco si lamentò dell'inerzia degli inquisitori e delle streghe che, a suo dire, infestavano la città. Certo, è probabile che, date le sue origini spagnole, il governatore fosse abituato a ben altri inquisitori!

Si dice anche che la colonna del Verziere fu costruita su commissione della Confraternita della Santa Croce di Porta Tosa per debellare l'area dalle streghe che avevano scelto la zona per porvi le proprie abitazioni. Ma l'impresa non risultò così facile: la costruzione della colonna e la collocazione della statua di Cristo sulla sua cima richiesero, in tutto, 80 anni. La congrega delle streghe del Verziere era capitanata da una fattucchiera che abitava in via Laghetto 2, la Signora d'Oriente.
Pare che costei fosse a capo proprio di quella Società di Diana di cui Sibilia Zanni era stata accusata di far parte...

Commenti

Post popolari in questo blog

I volti della dea: Persefone

Feste celtiche: Beltane, celebrare la fertilità

Un volto per la musa