Le fate dell'acqua: la Melusina nel folklore europeo

Il folklore medievale europeo è popolato di creature fantastiche. Una di queste mi ha colpito per la leggenda drammatica cui è legata e mi piacerebbe raccontarvela.

La Melusina è una fata acquatica dotata di una doppia natura: di norma bellissima donna, quando è immersa nell'acqua le sue gambe si trasformano in una coda di pesce (o di serpente).
Le storie che la riguardano narrano sempre di un incontro fatale. Un cavaliere in disgrazia, fuggito nei boschi in seguito a un crimine, si imbatte per caso nella Melusina nel suo aspetto di donna avvenente. La fata, innamoratasi del giovane, gli promette ricchezza, un regno e una florida discendenza se acconsentirà a sposarla. Pone solo una condizione: che, una volta alla settimana, lei possa ritirarsi nella propria stanza e non essere disturbata per nessun motivo.
Il giovane cavaliere, a sua volta innamorato della fata e della sua bellezza, accetta il patto. I due si sposano e, in breve, la profezia della Melusina si avvera: l'uomo ottiene una grandiosa fortuna, diventa sovrano di un regno e ha dalla moglie figli forti.
Tuttavia un giorno si presenta a corte un nuovo consigliere che entra subito nelle grazie del re. Dopo qualche tempo, il consigliere inizia a insinuare nella mente dell'uomo sospetti riguardanti la moglie, e in particolare quello che realmente accade nella sua stanza privata quell'unico giorno della settimana in cui lei ha chiesto di non essere disturbata: forse lo tradisce, forse si intrattiene con altri uomini... in breve, l'equilibrio su cui fino a quel momento era basato il rapporto tra il re e la Melusina si incrina. L'uomo, tormentato dai dubbi instillati dal consigliere, decide di infrangere il patto e sbirciare la propria moglie, per scoprire che cosa accade davvero.
Così, quando viene il giorno stabilito e la Melusina si chiude come al solito nella propria stanza, il re si avvicina di soppiatto e spia la moglie. Quello che vede lo lascia allibito: la donna è immersa nell'acqua, ma il suo aspetto è mutato. Al posto delle gambe ha una coda di pesce.
Ma la Melusina si accorge della presenza del marito. Ferita e delusa dall'infrazione commessa, la fata scappa dal castello, portando con sé i figli. In breve, la fortuna che il matrimonio con la fata aveva portato all'uomo viene meno, e lui si trova di nuovo in disgrazia, senza più un regno e senza più una famiglia.

La nobile casata dei Lusignano, originaria della Francia, lega le proprie origini a questa leggenda.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I volti della dea: Persefone

Un volto per la musa

Feste celtiche: Beltane, celebrare la fertilità