Un volto da copertina: al via le semifinali. Ecco la giuria

Il 7 gennaio 2017 è stato effettuato il conteggio dei like per decidere chi, delle iscritte al contest "Un volto da copertina", potesse passare alle semifinali. Delle 47 ragazze tra i 18 e i 30 anni che aspiravano a diventare il volto del mio romanzo urban fantasy "La musa della notte" ne sono state selezionate 24. Sulla pagina Facebook di Sara Simoni è stato creato un album dedicato, con gli screenshot in cui è visibile il numero di mi piace.
Adesso la parola passa alla giuria, che entro il 1 febbraio 2017 determinerà i nomi delle 3 finaliste assolute.
Ma da chi è composta questa giuria? Ormai è tempo di svelare i loro nomi... con qualche premessa.

Innanzitutto, in giuria non ci sono solo io perché, benché il romanzo alla ricerca di una copertina sia il mio, vorrei il confronto con occhi esterni per fare il meglio per il romanzo. Non si è trattato di una scelta scontata, perché nessuno conosce un libro e i suoi personaggi meglio dell'autore. Voglio una copertina che interpreti alla perfezione lo spirito della "Musa della notte" e la decisione di fare affidamento su altre persone è stata frutto di una lunga riflessione.
Ho deciso, allora, di circondarmi di una giuria che avesse, sì, competenze in ambito di grafica e/o comunicazione, ma anche che io conoscessi personalmente. Volevo persone con cui avessi un'intesa e del cui parere potessi fidarmi anche a occhi chiusi. Collaborare non è facile e non è da tutti. Così ho cercato tra le tantissime amicizie e conoscenze che si sono accumulate nel corso degli anni fino a quando non ho trovato persone che avessero le caratteristiche che volevo.
Sono tutte ragazze, innanzitutto. Questo perché il pubblico dei lettori, in particolare dei lettori di urban fantasy, è soprattutto (non solo, certo, ma soprattutto) femminile. Sono tutte persone che conosco da tantissimi anni e con cui sono certa di avere una qualche sintonia.
Di seguito i loro nomi:

Sara Simoni, che sarei io, ovviamente. Sono laureata magistrale in Scienze e Tecniche della Comunicazione e sono l'autrice del romanzo "La musa della notte", sulla cui copertina finirà il volto della vincitrice del concorso.
Federica Ghiro, fotografa.
Giulia Colombo, professionista nel settore comunicazione.
Giulia Toniolo, laureata in Marketing e professionista nel settore comunicazione.
Francesca Simoni, mia sorella. Sì, lei la conosco da tanti, tantissimi anni, ma è qui perché si è diplomata presso la Scuola Internazionale di Comics e si occupa di arte digitale. Potete vedere i suoi bellissimi lavori sulla sua pagina Facebook (e mettetele qualche like per aiutarla a crescere, lo merita davvero).

Vorrei che tutte le ragazze iscritte al concorso prendessero il giudizio della giuria, che sia per loro positivo o negativo, con la giusta serenità. Questo contest nasce come occasione per conoscersi e per creare qualcosa di bello insieme. Sono stata molto contenta di vedere tra le iscritte così tante persone che non appartenevano, prima, alla mia cerchia di contatti e spero che riusciremo a fare un bel lavoro. Ma perché questo accada è importante che non ci sia, da parte di nessuno, un eccesso di competizione. Sembra un'assurdità, perché di un contest, e quindi di una competizione, si tratta. Però tutte le ragazze dovrebbero tenere a mente che "Un volto da copertina" NON è un concorso di bellezza in senso stretto. Qui non eleggiamo la più bella, anche perché non avrebbe senso farlo tramite foto su Facebook. La giuria deciderà quale, tra le ragazze iscritte al concorso, sarà la più adatta per prestare il volto a Viviana sulla copertina del romanzo "La musa della notte". E Viviana non ha mai partecipato a Miss Italia.
Quindi invito tutte le iscritte a non fare un dramma di un'eventuale sconfitta e a non trasformare un'eventuale vittoria in motivo di superbia.
Con questo passo e chiudo! ;) E vi lascio un piccolo artwork fatto da me dedicato proprio a Viviana e al romanzo "La musa della notte".


Commenti

Post popolari in questo blog

I volti della dea: Persefone

Un volto per la musa

Feste celtiche: Beltane, celebrare la fertilità