Recensioni pericolose: Lonely souls - le streghe di New Orleans

Natale si avvicina sempre più ed è il momento della corsa ai regali dell'ultimo minuto. Quindi, cari amanti della lettura, perché non regalare (o regalarsi) un libro?
Ho da poco terminato la lettura di Lonely Souls - le streghe di New Orleans, urban fantasy di Andrea Romanato, e mi sento di consigliarlo a tutti gli appassionati del fantastico in cerca di idee fresche, diverse dal solito, ma intriganti. Il mondo del self-publishing non è dei più semplici e sono rimasta impressionata da questo giovane scrittore che si è lanciato in quest'avventura con una trama non scontata. Di certo nulla che sappia di già letto.
Questa è la presentazione che l'autore fa del suo libro su Amazon:
"Il protagonista è un ragazzo newyorchese, Erik Crane, che si ritrova mezzo morto dopo aver subito un'aggressione da parte di alcuni individui nel tentativo di salvare una ragazza. Quest'ultima gli sussurra delle parole incomprensibili e lui sviene. Quando si risveglia si rende conto di essere nel corpo di una ragazza di nome Evaline e che si trova a New Orleans.Un anno dopo, tornando a casa da lavoro, aiuta un'altra ragazza da un aggressore maniaco armato di machete. Quell'incontro e quella ragazza segneranno per sempre la vita di Erik, trascinato sempre di più nel mondo segreto delle streghe e delle loro sanguinose leggi."
La premessa narrativa mi è sembrata un'idea vincente e stimolante. Il ribaltamento di prospettiva cui è soggetto un uomo che di colpo si trova nei panni di una donna, tra problemi e discriminazioni, apre molte possibilità alla trama. E suggerisce ai lettori (e, perché no, anche alle lettrici) uno sforzo di immaginazione interessante.
Come ormai sarà chiaro, le streghe sono personaggi letterari che mi stanno molto a cuore. Le streghe di New Orleans di Andrea Romanato sono una sorta di società parallela nascosta all'interno della nostra, con regole ferree e una precisa gerarchia.
Alto il tasso di eros e violenza. Lo spunto iniziale di un uomo finito per magia nel corpo di una donna dà adito a situazioni romantiche insolite e di difficile definizione. Erik/Evaline pensa come un uomo, ma il suo è un corpo di donna e con questo deve fare i conti.
Il ritmo della trama è sempre sul filo del rasoio: l'azione non manca, il sangue neanche. Lo definirei un romanzo forte, in tutti i suoi aspetti: personaggi, intreccio, idea iniziale. Mi sembra di leggere nelle scene di combattimento spesso ravvicinate e nello stile dei dialoghi l'influenza delle serie TV, con la verosimiglianza a tratti sacrificata per la spettacolarità. Il ritmo, in generale, è più televisivo che romanzesco, con una certa indulgenza verso l'estetica splatter.
Forse in questo la copertina del romanzo è un po' fuorviante. Si dice di non giudicare mai un libro dalla copertina e in questo caso il detto calza a pennello. La prima volta che ho visto la copertina di Lonely Souls ho immaginato un romanzo più lento, magari romantico, non questi contenuti decisi e piccanti!
Lo stile dell'autore è giovane, a tratti un po' acerbo, ma credo che meriti di essere tenuto d'occhio.
Consigliato a chi ama i ritmi celeri delle serie TV!

Potete fare visita all'autore sul suo blog, oppure acquistare il libro su Amazon a 2,99 euro in formato ebook o 9,99 in formato cartaceo.

Commenti

Post popolari in questo blog

I volti della dea: Persefone

Un volto per la musa

Feste celtiche: Beltane, celebrare la fertilità