Recensioni pericolose: Punto di non ritorno

Buongiorno a tutti, lettrici e lettori!
Il romanzo di cui parlerò oggi è "Deserto Rosso - Punto di non ritorno", il primo capitolo del ciclo di "Deserto rosso", fantascienza made in Italy firmata da Rita Carla Francesca Monticelli. Di quest'autrice avevo già avuto modo di apprezzare (e recensire) due romanzi di genere thriller, di cui ho scritto qualche mese fa. Siccome ero rimasta piacevolmente colpita dalla qualità e godibilità della scrittura, ho deciso di cimentarmi anche nella lettura di "Deserto rosso".
"Deserto rosso - punto di non ritorno" è una novella che si legge agilmente in poco tempo ma sa intrigare al punto giusto. Si tratta di una fantascienza che fa a meno dell'invenzione spettacolare, del fuoco d'artificio abbagliante ma in definitiva poco sostanzioso che fin troppo spesso si vede al cinema o in tv. Qui non c'è niente di semplice o scontato, a partire dalla protagonista: controversa, arrabbiata, Anna Persson è in perenne conflitto con se stessa e con ciò che la circonda. Perfino il suo nome nordico fa a pugni con il suo aspetto fisico, che ha ereditato i tratti mediorientali di un padre che non l'ha mai voluta conoscere. Anna è un'antieroina impulsiva, capace di compiere scelte più che discutibili e commettere sbagli, umanissima. Scelta per partecipare a un viaggio di sola andata su Marte, prende una decisione apparentemente suicida quando il suo più grande sogno comincia a trasformarsi in un incubo.
Nella novella i piani temporali si intrecciano e si inseguono dall'inizio alla fine, e la fuga di Anna dalla stazione Alfa si mescola con i ricordi della sua vita e dei suoi affetti sulla Terra. Questo aumenta il senso di inquietudine che scorre tra le pagine, dovuto ai tanti misteri che ne emergono e non trovano risposta.
Il finale è aperto e lo scorcio che se ne trae non fa che infittire le domande che si affastellano nella mente del lettore. Le risposte? Nel seguito della serie, ovviamente! ;)

L'opera è disponibile in tutti i principali store digitali. Consigliata a tutti gli appassionati di narrativa fantastica di qualità.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Un volto per la musa

I volti della dea: Persefone

Feste celtiche: Beltane, celebrare la fertilità