La musa della notte: le streghe

Ogni urban fantasy che si rispetti ha le sue creature fantastiche. Ci sono angeli, fate, vampiri, lupi mannari... "La musa della notte" non fa eccezione, con le sue streghe.


Nel terzo millennio ormai nessuno crede più alle streghe. Con tutta la tecnologia che abbiamo a disposizione la magia non sembra più una cosa da temere né da auspicare. Ma se l'unico motivo per cui non assistiamo quotidianamente a meravigliosi prodigi fosse che l'Inquisizione ha fatto un buon lavoro?
Nel romanzo "La musa della notte" è proprio così. Le streghe, da secoli cacciate dall'Inquisizione, vivono nascoste tra la gente comune. Impegnate a non dare nell'occhio, preferiscono abitare nelle grandi città come Milano, dove è difficile che le bizzarrie attirino l'attenzione. Potresti incontrarle senza neanche rendertene conto, magari su un marciapiede affollato del centro o accanto a te all'università.
Come per la più antica magia indiana o egizia, il potere delle streghe passa attraverso la parola. La parola, se pronunciata con esattezza e intenzione sufficiente, influenza la realtà stessa e la trasforma a propria immagine e somiglianza. Incantesimi lunghi e rituali complessi possono aiutare a ottenere grandi risultati. Ma in seguito alla caccia da parte dell'Inquisizione le streghe hanno perso e dimenticato gran parte della propria antica cultura e vivono per lo più accontentandosi di una vita quasi comune.
Ci sono streghe che vorrebbero tornare alle ben più radiose origini. Si vocifera che qualcuna voglia rimettere in piedi quella Società di Diana che la prima Inquisizione milanese debellò nel XIV secolo. Ma sono solo voci...
Viviana è una strega di diciannove anni e non ha alcun interesse nelle proprie antiche radici. Anzi, è attratta più che mai dal mondo della gente comune. Ma, senza le dovute precauzioni, si tratta di un'attrazione pericolosa, perché l'Inquisizione è tutt'altro che finita.

Questa presentazione ti ha incuriosito? Supporta il #TeamStreghe e continua a seguirmi per saperne di più! ;)

Commenti

Post popolari in questo blog

I volti della dea: Afrodite

Feste celtiche: Beltane, celebrare la fertilità

I volti della dea: Persefone